Alpi Liguri

 

Finale Ligure

Bibliografia:
Gallo - Finale Y2K - Idee Verticali
http://www.gambeinspalla.altervista.org/alpinismo.htm
 


Rocca di Perti

Via Simonetta, IV+, 150 m**

Informazioni: via abbastanza discontinua con diversi tratti di collegamento. Alcuni tiri verso la fine carini. Resinati o spit sulla maggior parte delle soste, spit non tanti ma dove servono. Materiale: 8 rinvii e cordini per clessidre e soste.
Accesso: Da Finalborgo prendere la strada che porta a Calice, quindi imboccare l'indicazione per Rocca di Perti, salire per stradina asfaltata, passare sotto un ponte quindi a sx su strada sterrata fino ad un tornante dove si parcheggia. Dopo 100m prendere un sentiero (ometto) a sx che sale. La via parte quando il sentiero raggiunge la parete settentrionale. Attacco dove sta la scritta "Simonetta".
L1 salire la fessura obliqua verso dx, quindi dritti sopra lo strapiombino ammanigliato, IV-
L2 salire facilmente (I) e quindi a dx per paretina (III) poi ancora facilmente verso dx (I) fino alla base di una parete liscia, sosta su albero
L3 salire la paretina (IV+) quindi attraversare sotto il tetto verso dx (IV+) ed infilarsi nel diedro a dx, uscendo per fessura obliqua su un pianerottolo.
L4 salire a piedi verso sx alla base di uno spigolo con scritta "Simonetta" (I)
L5 salire per 10 m lo spigolo (IV+) quindi sostare
L6 attraversare a piedi sulla cengia verso sx fino alla scritta "Simonetta"
L7 salire facilmente (II) quindi prendere una lama staccata sulla dx (IV).
L8 salire dritti con passo faticoso, ben appigliato (IV+) quindi lungo la fessura molto bella fino alla fine della via (IV)
Discesa: prendere il sentiero verso dx


 

 
Rocca di Corno

Via Ipsilon, VI, 60 m***

Informazioni: Bella via di spigolo, varia ben appigliata con numerosi tratti delicati. Seconda parte in diedro.
Avvicinamento: da Final Pia si prende la strada per Calvisio, si seguono le indicazioni per Verzi (ponte sulla destra) e dopo numerosi tornanti si arriva alla valletta del Rio Ponci. Ad un bivio, si prende la strada sterrata sulla sx che porta ad un parcheggio. Qui si segue un sentiero che attraversa il letto del fiume, quindi prima in piano poi salire fino alla base delle rocce del Settore Sud-Est. Verso sx si sale un gradino roccioso e si esce su una comoda terrazza presso un anfratto, dove è l'attacco, in comune con la Via "Titomanlio" (scritta "TITO"), 20min.
L1 Salire una fessura ascendente verso destra (4c)
L2 A dx gli spit della via "Titomanlio", invece si sale dritti per 2 metri e in traverso (5c), quindi in spaccata si raggiunge uno spigolo che si segue, infine lungo un sistema di fessure (5c) alla sosta
L3 Salire un breve muro rossastro lungo una fessura diagonale da destra a sinistra (5b). Possibilità di concatenare L2 e L3. Sosta in comune con la  "Titomanlio"
L4 Salire il grande diedro verticale superiore in dulfer, quindi più facilmente alla vetta (5b)
Discesa: con una doppia da 60 metri si ritorna all'attacco.